Russi? Chiedi consiglio al tuo dentista

Molte persone che russano si rivolgono al proprio medico di base, ma anche il dentista può offrire un prezioso aiuto.

Perché si russa?

Il motivo principale consiste in un intasamento delle vie respiratorie causato dalla lingua o dai tessuti molli della bocca. Quando i tessuti presenti nella parte superiore del tratto respiratorio entrano in contatto l'uno con l'altro, generano una vibrazione che emette un forte rumore.

Il rumore causato è a volte interrotto da brevi pause, che possono essere segno di apnea notturna. L'apnea ostruttiva del sonno causa brevi interruzioni delle respirazione, con potenziali effetti nocivi per l'organismo, tra cui aterosclerosi e altri gravi disturbi cardiovascolari. L'apnea notturna e la tendenza a russare possono anche causare sonnolenza e affaticamento durante la giornata.

Quale aiuto offre il dentista?

Se tu o il tuo partner doveste accorgervi di un problema notturno costante, informate il dentista e spiegategli dettagliatamente il tipo di rumore generato, comunicando anche eventuali episodi di affaticamento e sonnolenza diurna.

Esistono diversi esami effettuabili dal dentista per salvaguardare la vostra salute durante la notte. Uno di questi consiste nella polisonnografia, ovvero uno studio della fisiologia del sonno durante il quale degli specialisti analizzano i comportamenti mentre si dorme, monitorando i segni vitali del paziente nell'arco di una notte.

Tra le altre raccomandazioni, troviamo:

  • perdere peso. Un peso eccessivo può alterare le strutture dell'organismo che circondano le vie respiratorie;

  • ridurre o evitare il consumo di alcol la sera, in quanto potrebbe avere ripercussioni sulla qualità del sonno;

  • ridurre o evitare l'uso di sedativi. Il medico di base può consigliare delle alternative;

  • evitare di dormire a pancia in su e coricarsi di lato, poggiando la testa su un cuscino.

  • Con l'aiuto di un professionista dentale, è possibile individuare i motivi per cui si russa e dormire meglio.

Altri articoli

Conseguenze delle MALATTIE RESPIRATORIE sulla salute orale

Per fare un esempio, chi soffre di determinate malattie respiratorie può assumere degli antinfiammatori, che provocano potenzialmente secchezza delle fauci, aumento degli accumuli di placca e insorgenza di gengivite, oltre che determinare maggiori rischi di infezioni fungine e da lieviti.

Disturbi correlati