Sinusite e dolore ai denti: sintomi e cure

Sinusite e dolore ai denti: sintomi e cure

Se siete tra le numerose persone che soffrono di sinusite, quasi una su 10 secondo quanto riporta La Stampa, sapete bene quanto possa essere dolorosa questa patologia. A peggiorare il quadro generale, il mal di denti causato dalla pressione nella cavità nasale, un effetto collaterale spesso ignorato.

Capire se il dolore ai denti è causato dall'infiammazione ai seni paranasali è sicuramente il primo passo. In particolare, occorre rivolgersi al medico se un semplice raffreddore si trasforma in sinusite oppure contattare il proprio dentista o igienista dentale se il dolore origina nei denti.

L'Istituto Superiore di Sanità (ISS) definisce la sinusite come un disturbo comune, causato da un'infiammazione della mucosa che riveste i seni paranasali. All'origine della patologia, vi è un'infezione di natura virale (raffreddore o influenza) che, se non si risolve nell'arco di qualche settimana, può evolvere in una sinusite acuta. L'infiammazione ha inizio nei seni mascellari (zigomi), in prossimità delle radici dei molari, e può provocare gonfiore a causa del ristagno di muco di origine batterica o virale. Tra i disturbi più comuni, la pressione esercitata sulle terminazioni nervose dei denti e la conseguente sensazione di dolore.

Se soffrite di sinusite, il modo più efficace per alleviare il dolore è concentrarsi sull'accumulo di muco. Cinque i rimedi proposti per eliminare il mal di denti che ne deriva:

1. Bere liquidi e ricorrere al vapore

In caso di sinusite, come spiega Green Me, bere molti liquidi è fondamentale per sciogliere il muco e facilitarne l’espulsione. Ecco perché occorre sempre avere dei liquidi a portata di mano.

La disidratazione, come ricorda My Personal Trainer, è considerata come uno squilibrio elettrolitico o una condizione ad esso correlata. Al fine di mantenere un livello di idratazione ottimale, si raccomanda pertanto di assumere bevande elettrolitiche ricche di magnesio, potassio e sodio, come ad esempio l’acqua di cocco. Il magnesio, tra l'altro, contribuisce a rafforzare le difese immunitarie e a combattere le sinusiti sia batteriche che virali.

Concludere la routine quotidiana con una doccia di vapore o un fumento alla menta piperita può essere altrettanto utile. Entrambi, infatti, favoriscono il decongestionamento delle vie nasali e alleviano il dolore: un’altra buona ragione per bere tè e tisane quando fa freddo!

2. Consumare alimenti speziati

Anche se avete il palato delicato, potrebbe essere utile consumare cibi dai sapori decisi, a base di rafano o di peperoncino: entrambi, infatti, svolgono un'azione fluidificante sul muco, donando un immediato senso di sollievo. Non tutti gli alimenti speziati, però, hanno le stesse proprietà: occorre quindi chiedere consiglio al proprio medico, per evitare di peggiorare la situazione.

3. Assumere un espettorante

Il modo migliore per alleviare il mal di denti causato dalla sinusite è drenare il muco, limitandone la pressione all'interno de seni paranasali. Farmaci da banco dalle proprietà decongestionanti ed espettoranti possono dare un rapido sollievo, ma in modi diversi. My Personal Trainer ricorda che gli espettoranti consentono l'espulsione del secreto mucoso in eccesso o riducono la secrezione di muco, mentre i farmaci decongestionanti inducono una costrizione dei vasi sanguigni nasali che limita il flusso locale di sangue, diminuendo anche il gonfiore. Usare un espettorante nasale può essere d’aiuto, ma occorre leggere attentamente le indicazioni fornite e rispettare la posologia. Se al termine del trattamento i sintomi continuano a persistere, è necessario rivolgersi al proprio medico curante.

4. Conciliare il sonno canticchiando

Il sonno è uno dei rimedi più importanti per favorire le difese dell’organismo. Durante le ore di riposo, il corpo ha la possibilità di produrre globuli bianchi e citochine che, come spiega il Ministero della Salute, rivestono un ruolo fondamentale nella risposta immune. Ovviamente, quando si soffre di sinusite e mal di denti, rilassarsi e dormire bene non è sempre facile.

Per quanto sorprendente, pare che canticchiare possa alleviare i dolori della sinusite. Il flusso d'aria regolare tra i seni e le fosse nasali, come riporta Internazionale, sembra infatti proteggere i seni stessi dalle infezioni.

In altre parole, se avete assunto un espettorante ma continuate a passare le notti insonni, provate a canticchiare in tonalità differenti. Modulare la voce in modo naturale, infatti, determina una lieve vibrazione dei muscoli facciali: spetterà a voi capire quale tonalità coinvolge maggiormente l’area infiammata. Dopo tutto, i neonati vengono calmati e cullati finché non si addormentano al ritmo di ninnananne molto simili: non occorre altro per rilassarsi e assicurarsi un sonno ristoratore.

5. Posizionare la testa in modo da favorire l'espettorazione

Durante le ore di riposo, è necessario che il capo sia leggermente sollevato e inclinato. Dormire supini può infatti ostruire ulteriormente le vie nasali ed esercitare una pressione continua, mentre pare che rialzando la parte superiore del corpo, il dolore si attenui.

In presenza di mal di denti, adottare una corretta igiene orale quotidiana non è sempre facile. In questi casi, usare uno spazzolino delicato permette di agire direttamente sulla fonte del malessere e dare così un rapido sollievo. Questo e gli altri rimedi proposti possono certamente essere d'aiuto, ma occorre sempre tenere a mente che il medico o il dentista e una corretta igiene orale hanno un ruolo fondamentale e insostituibile.

Questo articolo vuole promuovere la comprensione e la conoscenza di argomenti generali relativi alla salute orale. Non è destinato a sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un professionista. Chiedi sempre il parere del tuo dentista, o di un operatore sanitario qualificato, per qualsiasi domanda tu possa avere riguardante una condizione medica o un trattamento.

Altri articoli

Disturbi comuni negli ADULTI

Con il passare dell'età, è essenziale prendersi cura della propria salute dentale. Di seguito, troverai un elenco delle condizioni da tenere d'occhio.

  • Malattie gengivali – Se non segui rigorosamente il tuo regime di igiene orale e salti spazzolamento e uso del filo interdentale, placca batterica e tartaro possono accumularsi sui denti e causare infiammazioni batteriche. Se non trattati, placca e tartaro possono causare danni irreparabili all'osso mascellare e alle strutture ossee che supportano i denti, provocandone un'eventuale perdita.
  • Cancro orale – Secondo il National Institute of Dental and Craniofacial Research, ente governativo americano per la ricerca dentale e craniofacciale, il rischio di cancro orale è più alto negli uomini sopra i 40 anni. Il rischio sale quando vengono consumati prodotti a base di tabacco e bevande alcoliche. Nella maggior parte dei casi, il tumore può essere diagnosticato dal dentista durante un controllo di routine.
  • Rottura delle otturazioni dentali – La vita utile delle otturazioni va dagli otto ai dieci anni. Tuttavia, a volte durano anche 20 anni, se non di più. Quando iniziano a fratturarsi, i residui di cibo e i batteri che si intrappolano al loro interno possono causare carie profonde.