Denti Canini: Che Cosa sono?

Denti canini

I denti canini sono denti leggermente acuminati, disposti a lato degli incisivi, nella parte anteriore della bocca. Gli esseri umani li usano per masticare e articolare le parole, oltre che per altre importanti funzioni.

Perché si chiamano canini?

I denti canini si chiamano così per la loro somiglianza con le zanne dei cani. Negli esseri umani, i canini non sono così lunghi, pronunciati o taglienti come nella bocca dei cani, ma occupano la stessa posizione e sono spesso più lunghi e più appuntiti degli altri denti. Localmente, come riporta il Grande Dizionario Hoepli Italiano di Aldo Gabrielli, i denti canini superiori sono chiamati anche denti occhiali, poiché sono in corrispondenza degli occhi, mentre alcuni dentisti li chiamano cuspidi.

Quando spuntano?

I denti canini decidui compaiono solitamente dopo gli incisivi e prima dei primi molari. A tal proposito, la Società Italiana di Odontoiatria Infantile (SIOI) precisa che i primi canini a eruttare sono quelli superiori (16-22 mesi), seguiti da quelli inferiori (17-23 mesi). I bambini perdono i canini decidui tra i 9 e i 12 anni.

A che cosa servono?

I canini svolgono un ruolo importante ai fini della masticazione, dell'articolazione delle parole, del mantenimento della forma delle labbra e del corretto posizionamento degli altri denti. Durante la masticazione, i canini contribuiscono a tagliare e sminuzzare il cibo per formare bocconi più piccoli, mentre quando si parla, concorrono alla formulazione delle parole insieme agli incisivi.

I canini, inoltre, fungono da guida per il posizionamento degli altri denti. In particolare, "aiutano" i denti delle arcate superiore e inferiore a mantenere la propria posizione nei movimenti di lateralità della mandibola e soprattutto, li guidano affinché assumano una corretta posizione.

Denti canini e recessione gengivale

Il tessuto gengivale che circonda i canini, a causa della posizione di questi ultimi, può essere soggetto a erosione. I canini superiori, unitamente agli incisivi inferiori, come riporta Il Dentista Moderno, sono infatti i denti che più frequentemente presentano recessione gengivale. Durante le operazioni di spazzolamento, a causa della loro prominenza rispetto agli incisivi, i canini sono effettivamente soggetti a una maggiore pressione. Pertanto, al fine di ridurre il rischio di recessione del tessuto gengivale che circonda questi denti, occorre esercitare un'azione di pulizia più delicata e impiegare spazzolini specifici, dotati di setole più morbide, per proteggere la superficie dello smalto e le gengive.

Forma e posizione attribuiscono ai denti canini un ruolo particolarmente importante rispetto alla struttura e alle funzioni della bocca. Al fine di garantirne la salute per tutta la vita, occorre quindi prendersene cura nel migliore dei modi e prestare loro la dovuta attenzione durante lo spazzolamento.

Questo articolo vuole promuovere la comprensione e la conoscenza di argomenti generali relativi alla salute orale. Non è destinato a sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un professionista. Chiedi sempre il parere del tuo dentista, o di un operatore sanitario qualificato, per qualsiasi domanda tu possa avere riguardante una condizione medica o un trattamento.

Altri articoli

Quali sono le diverse parti di un dente?

Ogni dente è formato da varie parti, elencate di seguito.

  • Smalto – La superficie più esterna e più dura del dente, nella quale è presente la quantità maggiore di tessuto mineralizzato di tutto il corpo umano. Lo smalto può venire danneggiato dalla carie a causa di una scarsa cura dentale e di una cattiva igiene orale.
  • Dentina – È lo strato sottostante lo smalto. Quando la carie penetra lo smalto dentale, attacca successivamente la dentina, nella quale sono presenti milioni di piccoli canali che conducono direttamente alla polpa dentaria.
  • Polpa – Tessuto molle presente nella parte centrale dei denti, in cui si trovano tessuti nervosi e vasi sanguigni. La carie che raggiunge la polpa dentaria può provocare dolori e potrebbe necessitare di una terapia canalare.