Tutto ciò che c'è da sapere sulla sigillatura dei denti

Una volta cresciuti, i denti permanenti dovrebbero accompagnarci per tutta la vita; ciò è possibile grazie a una buona igiene orale e a visite frequenti dal dentista. Tuttavia, potrebbero essere necessari dei trattamenti aggiuntivi per proteggerli e mantenerli in salute nel tempo. Una di queste opzioni è rappresentata dai sigillanti per denti, spesso applicati durante l'infanzia se i rischi di carie sono alti.

Cos'è la sigillatura dei denti?

Si tratta dell'applicazione di sottili rivestimenti in plastica sulle superfici dei denti adibite alla masticazione, principalmente molari posteriori e premolari. Sono normalmente bianchi o trasparenti e non sono visibili quando si parla o si apre la bocca.

A cosa serve questo trattamento?

Dentisti e igienisti dentali consigliano l'uso di sigillanti per proteggere i denti dai batteri che provocano carie. Nella maggior parte dei casi, vengono applicati non appena la superficie dentale spunta dalla gengiva, tra i sei e i dodici anni di età. Ciò non esclude che possano essere usati anche in bambini di età maggiore o in adulti i cui denti presentano scanalature o segni di carie che sta per insorgere. Il dentista può aiutare a decidere quando è il momento giusto per ricevere il trattamento.

Come viene effettuato?

L'applicazione dei sigillanti dentali è normalmente indolore e non richiede l'utilizzo di trapani odontoiatrici o anestesia. L'igienista dentale inizia pulendo la superficie del dente da trattare per rimuovere placca e residui di cibo da scanalature e fessure. Dopodiché, il dente verrà isolato per impedire alla saliva di penetrare nelle fessure dentali. La superficie dentale viene poi asciugata e mordenzata (irruvidita da sostanze acide) nelle aree in cui si trovano scanalature e solchi, risciacquata e asciugata di nuovo. Dopo questa fase, il dente avrà assunto un aspetto biancastro. Successivamente, il materiale per la sigillatura verrà posato sulla superficie del dente e l'igienista dentale seguirà tutte le istruzioni necessarie per applicarlo. Se deve essere polimerizzato (indurito) con una speciale luce, questa dovrà essere puntata sul dente per circa 30 secondi. Per concludere, igienista dentale e dentista controlleranno se la procedura e l'occlusione del materiale sono andate a buon fine.

 

Altri articoli

Cosa accade durante una procedura di SIGILLATURA DEI DENTI

L'applicazione dei sigillanti dentali è normalmente indolore e non richiede l'utilizzo di trapani odontoiatrici o anestesia.

  1. Preparazione del dente – L'igienista dentale inizia lucidando la superficie del dente da trattare per rimuovere placca e residui di cibo da scanalature e fessure. Dopodiché, il dente verrà isolato e asciugato. La superficie sarà poi mordenzata (irruvidita da sostanze acide), risciacquata e asciugata di nuovo.

  2. Applicazione del sigillante – Usando un particolare spazzolino, l'igienista poserà il materiale sigillante sulla superficie del dente. Per circa 30 secondi, una luce per l'autopolimerizzazione verrà puntata sul dente per far aderire il sigillante alla superficie dentale.

  3. Controllo finale – Per concludere, igienista dentale e dentista controlleranno se la procedura e l'occlusione del materiale sono andate a buon fine. Una volta induritosi, il sigillante dentale diventa un solido rivestimento di plastica che ci permette di masticare con il dente trattato.