Il Perossido di Idrogeno

Cos'è il perossido di idrogeno?

Chi non conosce il perossido di idrogeno, ovvero l’acqua ossigenata? Molti di noi ne hanno una boccetta nell’armadietto dei medicinali, da usare come disinfettante in caso di tagli o escoriazioni. Tuttavia, pochi sanno che ha diversi usi nell’ambito odontoiatrico. Dall’aiuto nella cura delle malattie gengivali allo sbiancamento dei denti, il perossido di idrogeno è un versatile alleato per la nostra salute orale.

Lo sbiancamento dei denti

Il perossido di idrogeno è molto usato anche nell’odontoiatria cosmetica, poiché uno dei suoi utilizzi più noti è lo sbiancamento dei denti. La quantità di perossido di idrogeno presente in un prodotto sbiancante per denti dipende dalla tipologia e dall’uso previsto. Ad esempio, esistono alcuni dentifrici sbiancanti che contengono perossido di idrogeno, come consigliato dai professionisti della salute orale. Lo sbiancamento dei denti a base di perossido di idrogeno rimuove le macchie che alterano il colore dello smalto dall’interno, a differenza dei dentifrici che usano silice idrata, che rimuove solo le macchie presenti sullo strato più esterno dei denti. Pertanto, se si desidera una soluzione semplice ed economica applicabile a livello domestico, un dentifricio sbiancante con perossido di idrogeno potrebbe essere la risposta!

Tuttavia, se si è alla ricerca di una soluzione sbiancante più immediata ed efficace, è possibile chiedere al proprio dentista/igienista uno sbiancamento professionale. Nessun dentifricio contiene le quantità di perossido di idrogeno contenute nei prodotti per lo sbiancamento dei denti usati dai professionisti. La maggiore concentrazione consente al perossido di idrogeno contenuto in questi prodotti di sbiancare i denti in modo più rapido rispetto ai dentifrici a basse concentrazioni o ai prodotti sbiancanti da banco.

Il perossido di idrogeno è sicuro?

Come riferisce il portale Odontoiatria33, quando vengono usati correttamente, nel pieno rispetto delle istruzioni del produttore e nelle percentuali previste dalla legge, i prodotti sbiancanti per uso domestico a base di perossido di idrogeno sono sicuri ed efficaci. Anche per altri usi, come il trattamento delle gengive, il perossido di idrogeno è generalmente sicuro se usato nel rispetto delle istruzioni. L’ingestione di piccole quantità di perossido di idrogeno molto probabilmente non è pericolosa, ma occorre fare attenzione a non ingerirlo in grandi concentrazioni. Si consiglia inoltre di consultare sempre l’etichetta dei prodotti contenenti perossido di idrogeno e seguire le istruzioni.

Il perossido di idrogeno è un prodotto di uso comune presente in molte case, ma prima di iniziare a usarlo per i propri denti è bene discuterne con il proprio dentista/igienista. Il professionista potrà indicare il prodotto giusto da usare, sia che si desiderino gengive più sane o un sorriso più sicuro.

Questo articolo vuole promuovere la comprensione e la conoscenza di argomenti generali relativi alla salute orale. Non è destinato a sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un professionista. Chiedi sempre il parere del tuo dentista, o di un operatore sanitario qualificato, per qualsiasi domanda tu possa avere riguardante una condizione medica o un trattamento.

Altri articoli

Disturbi comuni negli ADULTI

Con il passare dell'età, è essenziale prendersi cura della propria salute dentale. Di seguito, troverai un elenco delle condizioni da tenere d'occhio.

  • Malattie gengivali – Se non segui rigorosamente il tuo regime di igiene orale e salti spazzolamento e uso del filo interdentale, placca batterica e tartaro possono accumularsi sui denti e causare infiammazioni batteriche. Se non trattati, placca e tartaro possono causare danni irreparabili all'osso mascellare e alle strutture ossee che supportano i denti, provocandone un'eventuale perdita.
  • Cancro orale – Secondo il National Institute of Dental and Craniofacial Research, ente governativo americano per la ricerca dentale e craniofacciale, il rischio di cancro orale è più alto negli uomini sopra i 40 anni. Il rischio sale quando vengono consumati prodotti a base di tabacco e bevande alcoliche. Nella maggior parte dei casi, il tumore può essere diagnosticato dal dentista durante un controllo di routine.
  • Rottura delle otturazioni dentali – La vita utile delle otturazioni va dagli otto ai dieci anni. Tuttavia, a volte durano anche 20 anni, se non di più. Quando iniziano a fratturarsi, i residui di cibo e i batteri che si intrappolano al loro interno possono causare carie profonde.