Innesto osseo per impianti dentali: un'opzione da valutare

A livello estetico, gli impianti dentali rappresentano la soluzione ideale per le persone a cui mancano uno o più denti; con aspetto e funzioni identiche rispetto ai denti naturali, gli impianti dentali sono quasi del tutto invisibili se ben realizzati. Tuttavia, così come per gli altri interventi di chirurgia orale, è importante conoscere tutti gli aspetti e i passaggi di una procedura di impianto dentale. Uno dei fattori principali è la possibile necessità di un innesto osseo.

Un impianto dentale è principalmente composto da due componenti: un cilindro metallico posizionato nell'osso mascellare che funge da radice dentale e un moncone che viene avvitato su di esso. La corona viene così installata sul secondo, creando una struttura con l'aspetto di un dente vero.

Secondo l'associazione americana dei chirurghi orali e maxillofacciali (American Association of Oral and Maxillofacial Surgeons, AAOMS), i dentisti propongono l'utilizzo di un innesto osseo nel caso in cui l'osso mascellare sia troppo sottile o fragile per supportare l'impianto. Se l'ossatura non riesce a supportare l'impianto, l'intervento potrebbe non andare a buon fine.

Durante un intervento di innesto osseo, il medico chirurgo estrarrà una sezione di osso da un'altra parte del corpo o (come nella maggior parte dei casi oggigiorno) utilizzerà uno speciale materiale da innestare nell'osso mascellare. Dopodiché, bisognerà aspettare del tempo (probabilmente qualche mese) per permettere all'innesto di creare una nuova e resistente ossatura che funga da sostegno stabile e sicuro per l'impianto. In caso di innesti di piccola entità, è possibile effettuare la procedura contemporaneamente a quella di impianto; sarà il professionista dentale a prendere la decisione finale al riguardo. Se la procedura va a buon fine, l'osso mascellare sarà abbastanza robusto da supportare l'impianto dentale.

Una volta che l'innesto è terminato, si può procedere con la seconda parte dell'intervento di impianto. Dato che si tratta di un'operazione chirurgica, è importante parlare con il dentista della propria storia clinica e di tutti i rischi e i vantaggi comportati dalla procedura. Se il medico dà il via libera, potrai presto avere un sorriso nuovo di zecca.

 

Questo articolo vuole promuovere la comprensione e la conoscenza di argomenti generali relativi alla salute orale. Non è destinato a sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un professionista. Chiedi sempre il parere del tuo dentista, o di un operatore sanitario qualificato, per qualsiasi domanda tu possa avere riguardante una condizione medica o un trattamento.

Altri articoli

Preziosi consigli di igiene orale per IMPIANTI DENTALI

La maggior parte delle procedure di impianto dentale va a buon fine ed è possibile facilitare il mantenimento e la durabilità dei risultati ottenuti con alcuni accorgimenti.

  • Seguire buone abitudini di igiene orale – Lavare i denti due volte al giorno e passare il filo quotidianamente. Gli spazzolini interdentali (le cui setole sono in grado di inserirsi tra i denti) possono aiutare a pulire le aree intorno all'impianto difficili da raggiungere.
  • Smettere di fumare – Il fumo può indebolire la struttura ossea e provocare malfunzionamenti dell'impianto.
  • Andare dal dentista – Pulizie e controlli effettuati ogni sei mesi aiuteranno a tenere sotto controllo le condizioni dell'impianto e a mantenerlo in buono stato.
  • Evitare di masticare cibi duri – Masticare ghiaccio, caramelle dure o simili oggetti può provocare fratture della corona e dei denti naturali.