Quadro Generale

Un impianto dentale è costituito da una barra in titanio (simile a una radice dentale), chirurgicamente inserita nell'osso mascellare sotto al margine gengivale, che permette al dentista di applicare un ponte o un dente sostitutivo nell'area trattata. A differenza delle dentiere, gli impianti non perdono tenuta. Portano inoltre vantaggi per la salute orale in generale, dato che non devono essere fissati sui denti, a differenza dei ponti.

Benefici

Un impianto dentale può fare miracoli per l'autostima dei pazienti, sia a livello estetico che per come si adatta alla bocca, dato che sembra un dente vero a tutti gli effetti. Chi prima di un impianto dentale si sentiva in soggezione ogni volta che voleva sorridere, dopo la procedura si sente perfettamente a proprio agio col suo nuovo sorriso. Lato estetico a parte, questa soluzione aiuta anche a mangiare e parlare più facilmente: prevede, infatti, l'installazione di una barra in titanio direttamente sulla mascella per assicurare che l'impianto resti ben saldo al suo posto.

Pulizia

Per la riuscita di un impianto dentale è indispensabile seguire delle buone abitudini di igiene orale. Bisogna usare il filo interdentale quotidianamente e lavare i denti due o tre volte al giorno. Inoltre, è necessario andare dal dentista ogni sei mesi per un controllo e una pulizia dei denti.

Trattamenti

Per procedere con un trattamento di impianto dentale, bisogna avere gengive sane e una struttura ossea adeguata a supportarlo.

In caso di ossa troppo sottili o non in grado di sostenerlo, potrebbe servire un innesto osseo. Quando l'osso mascellare superiore è troppo corto o le cavità nasali sono troppo vicine alla mascella, a volte è necessaria una procedura per aumentare la distanza sub sinusale.

In questo tipo di intervento, eseguito da un chirurgo orale o da un parodontista, viene aggiunta della struttura ossea alla mascella nella zona che la separa dai seni mascellari, nell'area tra i molari e i premolari.

Normalmente, gli impianti risultano più costosi degli altri trattamenti per la sostituzione dei denti e possono costare più di 1.000 euro per dente, senza considerare i costi da sostenere per le corone che vengono a essi attaccate. È però anche possibile effettuare questo tipo di intervento in convenzione mutualistica. Se ti mancano dei denti in bocca e credi che l'impianto sia una soluzione adatta a te, parlane col tuo dentista.1

Secondo l'American Dental Association (Associazione Dentistica Americana), sono due i tipi di impianti dentali che possono essere installati in tutta sicurezza.2

  • Impianti endossei
    Sono gli impianti dentali più comunemente usati; inseriti direttamente nell'osso mascellare tramite intervento chirurgico, vengono anche detti "impianti a forma di radice". Solitamente presentano una forma a vite, a cilindro o piatta. Per la buona riuscita di un impianto endosseo, la struttura ossea deve essere abbastanza spessa e larga per poter fungere da solida base. Dopo che il tessuto gengivale circostante sarà guarito, servirà un secondo intervento chirurgico per collegare una barra all'impianto originale. Infine, un dente artificiale (o più di uno, se necessario) viene attaccato alla barra o montato su un ponte o una protesi.
  • Impianti subperiostei
    Consistono in una struttura metallica che viene applicata alla mascella, al di sotto del margine gengivale, e sulla quale sarà fissata nel corso della guarigione delle gengive. Sulla struttura vengono montate delle barre, che sporgeranno dalle gengive. Come per gli impianti endossei, sulle barre saranno poi installati i denti artificiali.

Prodotti in evidenza

Proteggi gli impianti dentali per il futuro.  

La loro longevità e il loro corretto funzionamento dipendono dalla tua igiene orale. Usa uno dei nostri dentifrici per mantenere la bocca sana e pulita.