Estrazione dentaria e alveolite secca

35

Affollamento dentale e denti del giudizio inclusi

I denti del giudizio o terzi molari vengono estratti con una frequenza superiore a qualsiasi altro dente. Alcuni soggetti hanno a disposizione in bocca uno spazio naturale sufficiente a consentirne l'eruzione, mentre altri, non avendo abbastanza posto per ulteriori denti, rischiano l'inclusione dentale. In questo caso, i terzi molari rimangono incastrati sotto le gengive oppure eruttano in modo scorretto, perdendo l'allineamento con il resto della dentatura. I denti del giudizio inclusi sotto il margine gengivale possono essere causa di dolore, gonfiore, affollamento dentale o persino dello spostamento di altri denti.

All'estrazione chirurgica di un dente del giudizio, o di qualsiasi altro dente, possono seguire complicanze di diverso tipo:

  • Infezione
  • Lesione del nervo, con conseguente parestesia del labbro inferiore o della lingua
  • Rigidità della mandibola
  • Alveolite secca

Alveolite secca dopo l'estrazione di un dente del giudizio

Che cos'è l’alveolite secca?

In seguito a un'estrazione dentale, nell'area in cui si trovava il dente - detta alveolo o cavità alveolare - si forma un coagulo di sangue, il cui scopo è sigillare la zona per favorirne la guarigione. L'alveolite secca insorge quando il coagulo di sangue si rompe o si sposta, esponendo così l'osso e i nervi. I primi cinque giorni che seguono l'estrazione sono i più critici ed è proprio durante questo intervallo di tempo che il rischio di alveolite secca è particolarmente elevato. Il disturbo può rivelarsi molto doloroso! Chiunque sospetti di soffrire di questa patologia deve contattare immediatamente il proprio dentista.

Trattamento
Il dentista provvede solitamente a risciacquare l'alveolo lasciato vuoto, rimuovere eventuali residui e applicare una medicazione intralveolare per proteggere la zona e alleviare il dolore. In alcuni casi, può anche prescrivere un antibiotico per prevenire eventuali infezioni e un antidolorifico per limitare il senso di fastidio. Il dentista, infine, può fornire consigli sugli alimenti e sulle bevande da consumare, nonché suggerire il modo più adatto per pulire e trattare la zona interessata dall'alveolite. Grazie a cure adeguate e a una buona dose di riposo è possibile guarire in 7-10 giorni. Con ogni probabilità, il dentista fisserà un altro appuntamento per monitorare il processo di guarigione e lo stato di salute generale del paziente.

© Copyright 2010 Colgate-Palmolive Company

Questo articolo vuole promuovere la comprensione e la conoscenza di argomenti generali relativi alla salute orale. Non è destinato a sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un professionista. Chiedi sempre il parere del tuo dentista, o di un operatore sanitario qualificato, per qualsiasi domanda tu possa avere riguardante una condizione medica o un trattamento.

Altri articoli

Cosa comporta l'estrazione dei DENTI DEL GIUDIZIO

In caso di denti del giudizio incuneati e inclusi (incastrati nell'osso), il chirurgo orale procederà con un'incisione della gengiva ed estrarrà il dente in diverse sezioni per ridurre al minimo la quantità di struttura ossea asportata.

Successivamente all'intervento, si verificano comunemente gonfiore, sensibilità e lividi sul viso. Il dentista o chirurgo orale prescriverà impacchi con ghiaccio e antidolorifici per alleviare il dolore.