Disordini temporo-mandibolari

Definizione

L'articolazione temporo-mandibolare (ATM) è quella che collega la mandibola alle ossa temporali del cranio. I disordini temporo-mandibolari (DTM) si verificano in caso di problemi che colpiscono i muscoli facciali e le mascelle.

Segni E Sintomi

Sono diversi i segni e i sintomi dei DTM. Spesso è difficile determinare se i disturbi sono presenti o meno, dato che condividono la loro sintomatologia con altri problemi. Il dentista può essere d'aiuto nell'effettuare una diagnosi corretta effettuando un'anamnesi medica e dentistica completa ed eseguendo esami clinici e le necessarie radiografie.

Alcuni dei sintomi più diffusi includono:

  • dolori al viso, alla mandibola o nell'area delle orecchie;
  • mal di testa (spesso simile a emicrania), mal d'orecchie e dolori e pressioni dietro agli occhi;
  • un suono simile a un "clic" o a uno schiocco quando si apre o chiude la bocca;
  • mascella bloccata o dislocata;
  • muscoli mandibolari sensibili;
  • problemi con masticazione e morso;
  • rigonfiamenti del viso;
  • un'improvvisa alterazione dell'occlusione dentale (il modo in cui i denti superiori e inferiori si chiudono avvicinandosi).

Cause

Spesso i DTM insorgono a causa di problemi con la muscolatura o l'ossatura delle articolazioni stesse. La mandibola potrebbe scricchiolare, emettere suoni simili a un "clic" o addirittura bloccarsi di tanto in tanto. È importante rivolgersi a un dentista o a uno specialista dentale per una visita al fine di determinare la causa di questo problema di salute orale.

Diagnosi

Per una corretta diagnosi dei DTM, il dentista effettuerà una visita medica e dentale approfondita, eseguendo anche particolari radiografie (panoramiche) per controllare l'articolazione mandibolare, le strutture circostanti e analizzare l'occlusione dentale. Potrebbe inoltre esaminare muscoli e tessuti del capo e del collo per accertarsi che non vi siano infiammazioni. Alcuni controlli prevedono anche determinati esercizi e movimenti; inoltre, il dentista potrebbe richiedere l'intervento di un chirurgo orale e maxillofacciale per ulteriori esami e diagnosi.

Trattamento

Non esiste una cura specifica per i DTM; tuttavia, sono disponibili diversi trattamenti per alleviarne notevolmente i sintomi. Ecco quelli più consigliati dai dentisti:

  • per fermare gli spasmi muscolari e il dolore, applicare fonti umide di calore o prendere medicinali come rilassanti muscolari (miorilassanti), aspirine, antidolorifici da banco o antinfiammatori;
  • è possibile ridurre gli effetti nocivi di stringimento e digrignamento dei denti indossando un paradenti o un bite durante la notte. Realizzati su misura, questi strumenti vanno inseriti sull'arcata dentale superiore per impedire il digrignamento con i denti inferiori;
  • imparare delle tecniche di rilassamento per facilitare il controllo della tensione muscolare nell'area della mandibola. Il dentista potrebbe consigliare particolari attività o supporto psicologico per liberarsi dallo stress;
  • tramite uno stimolatore elettrico transcutaneo dei nervi (TENS), delle scariche elettriche di basso livello vengono impiegate per rilassare le articolazioni e i muscoli del viso, fornendo loro sollievo, mentre una terapia laser a bassa potenza aiuterà il collo a muoversi più liberamente;
  • il dentista potrebbe prescrivere farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) per alleviare il dolore e il gonfiore.

Disturbi Correlati

Insieme ai DTM possono verificarsi contemporaneamente altri disturbi, tra cui:

  • problemi muscolari che hanno ripercussioni sui movimenti mandibolari;
  • dolori al viso, intorno all'articolazione mandibolare;
  • problemi dell'articolazione stessa.

Data la loro varietà, risulta difficile effettuare diagnosi e pianificare trattamenti. Una corretta diagnosi è cruciale per far sì che le cure vadano a buon fine.