Stomatiti: Trattamento di tre tipologie

Trattamento per la stomatitis

La nostra bocca svolge diverse funzioni: tra le altre cose ci serve per comunicare, nutrirci e respirare. Ma, come per tutte le altre parti del corpo e gli altri organi, non sempre nella nostra bocca fila tutto liscio. La stomatite è un’infiammazione della bocca che può essere acuta o cronica e che si manifesta su gengive, interno delle guance, labbra, palato e lingua. Si tratta di un problema che affligge molte persone nel corso della loro vita, e ne esistono diversi tipi. Di seguito forniremo informazioni utili sulla stomatite, sui trattamenti e sui modi in cui alleviare il fastidio.

Stomatite erpetica — Descrizione e trattamento

Il virus Herpes simplex 1 (HSV-1) provoca la stomatite erpetica, un tipo di afta. Questo virus, che si diffonde attraverso la saliva, è estremamente contagioso e si contrae in genere tra i 6 mesi e i 5 anni di vita. In molti casi le persone con HSV-1 non mostrano alcun sintomo. Se si manifestano sintomi, occorre invece prestare attenzione a scialorrea (salivazione abbondante), febbre alta e malessere. Le gengive potrebbero inoltre sanguinare e fare male.

Non è possibile guarire dalla stomatite erpetica: si avrà per sempre il virus che provoca queste afte. Il nostro corpo, infatti, non ha alcun modo per espellerlo. Tuttavia, gli episodi non sono gravi, perciò il trattamento di questa tipologia di stomatite prevede l’assunzione di farmaci antidolorifici e di antipiretici da banco. Durante un episodio i bambini devono inoltre assumere molti liquidi. In genere si guarisce nel giro di un paio di settimane o meno. Se il problema si manifesta di frequente, il medico può prescrivere farmaci antivirali.

Stomatite aftosa — Descrizione e trattamento

Le afte, ufficialmente note come stomatiti aftose, sono lesioni rotonde e dolorose che compaiono in bocca. Possono svilupparsi singolarmente o possono essercene fino a 10 contemporaneamente. Sono un problema piuttosto comune.

Le afte possono essere ereditarie, ma non sono contagiose. Gli scienziati non hanno ancora compreso appieno le cause, ma si ritiene che dipendano da carenze del sistema immunitario. Spesso si scatenano a causa di alimenti acidi, lesioni alla bocca, stress emotivo e alterazioni nei livelli ormonali correlate al ciclo mestruale.

I sintomi comprendono una sensazione di formicolio o bruciore sulla lingua e sulla superficie interna del labbro o della guancia. Le afte impiegano un paio di giorni a formarsi, e raggiungono dimensioni variabili. Le afte più piccole si risolvono spontaneamente in un paio di settimane senza lasciare alcun segno. Le lesioni più grandi, invece, tendono a essere dolorose e possono lasciare cicatrici.

Non è possibile prevenire le afte, e nemmeno curarle. Tuttavia, è possibile trattare i sintomi, come il dolore bruciante. Per alleviare la sintomatologia è possibile mangiare cibi leggeri, fare sciacqui con acqua tiepida e applicare gel antidolorifici. Per le afte più grandi potrebbero servire farmaci steroidei.

Stomatite da dentiera — Descrizione e trattamento

Il terzo tipo di stomatite è noto anche come mughetto o candidosi orale e colpisce prevalentemente i bambini, ma anche gli adulti, soprattutto se immunocompromessi. La malattia si presenta inizialmente con un arrossamento della mucosa.

Questa condizione deriva da una crescita eccessiva del fungo Candida Albicans, presente in tutte le bocche. Per curare il mughetto occorre quindi partire da una buona igiene orale. Si consiglia di lavare regolarmente i denti e usare un collutorio. Se si porta la dentiera, occorre pulirla dopo ogni pasto. Inoltre durante la notte, quando la si toglie, è bene immergerla nell’apposito liquido. Anche il fumo stimola la crescita del fungo nella bocca, perciò si consiglia di smettere per migliorare la propria salute orale.

Se una corretta igiene orale non è sufficiente a curare la candidosi orale, potrebbero occorrere dei farmaci. In questi casi è bene consultare il proprio medico o dentista.

Se si soffre di afte, candidosi orale o altre lesioni della bocca, alleviare il fastidio è molto probabilmente della massima priorità. Le opzioni terapeutiche casalinghe, come farmaci antipiretici, antidolorifici, gel orali e collutori, possono offrire il necessario sollievo.

Questo articolo vuole promuovere la comprensione e la conoscenza di argomenti generali relativi alla salute orale. Non è destinato a sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un professionista. Chiedi sempre il parere del tuo dentista, o di un operatore sanitario qualificato, per qualsiasi domanda tu possa avere riguardante una condizione medica o un trattamento.

Altri articoli