Come eliminare l'alito cattivo causato dal consumo di aglio

Come eliminare l'alito cattivo causato dal consumo di aglio

Appuntamento galante o incontro di lavoro inattesi? Occasioni importanti che il consumo di un pasto a base di aglio nelle ore precedenti potrebbe compromettere. Fortunatamente, sono disponibili diversi rimedi per contrastare rapidamente questo fastidioso inconveniente. Seguono alcuni consigli per eliminare l’odore di aglio dalla bocca prima di un evento importante.

1. Gomma da masticare

Se il tempo a disposizione è poco, la gomma da masticare è il rimedio ideale per rinfrescare la bocca. Il chewing-gum, infatti, consente di coprire momentaneamente l’odore dell’aglio e avere così un alito più fresco. Grazie alla masticazione, inoltre, l’aumentato flusso di saliva che ne consegue favorisce l’eliminazione dalla bocca di eventuali residui di cibo e di aglio.

Il consumo di gomme da masticare può contribuire ad attenuare l’alito cattivo, ma la scelta deve ovviamente ricadere su prodotti senza zucchero, per evitare che quest’ultimo possa favorire la comparsa della carie.

2. Risciacqui con il collutorio

Il consumo di alimenti contenenti aglio può influire sull'alito fino a una completa digestione degli stessi. Prodotti dall'aroma forte, come i collutori alla menta, possono contrastare il cattivo odore fino alla sua naturale scomparsa.

Al termine di un pasto a base di aglio, è sufficiente qualche risciacquo per mascherarne immediatamente l'odore. Il consiglio, per gli amanti dell’aglio, è quindi di tenere un collutorio in formato da viaggio sempre in borsa, per averlo a disposizione in qualsiasi momento.

3. Spazzolare i denti

Se prima di un appuntamento importante si ha a disposizione uno spazzolino da denti, è fondamentale usarlo! Lo spazzolamento, infatti, consente di rimuovere eventuali residui di cibo e migliorare l’alito. Anche la pulizia della lingua non deve essere trascurata, essendo anch'essa responsabile del cattivo odore in bocca.

Lavarsi i denti fuori casa è decisamente fattibile, a condizione di organizzarsi per tempo: è sufficiente mettere uno spazzolino da denti e un dentifricio nella borsa o nel cassetto della scrivania e passare velocemente in bagno per rinfrescare l’alito.

4. Bere latte

L’alito cattivo causato dall'aglio può essere contrastato anche dal consumo di latte. È quanto si legge in un articolo di La Stampa che spiega come l’assunzione di latte, prima o durante il consumo di aglio, sia tra i rimedi più efficaci per ridurre le concentrazioni dei composti volatili che sono i principali responsabili del tipico aroma.

5. Consumare prezzemolo

Sebbene poco conosciuto tra i rimedi, anche il prezzemolo può essere utile per contrastare l’alito cattivo. Il suo aroma forte, infatti, è in grado di mascherare lo sgradevole odore di aglio. Pare poi che, all'interno della bocca, svolga anche un’azione pulente.

Chi non ama il prezzemolo, può sostituirlo con del sedano o dei broccoli. Entrambi permettono di rimuovere eventuali residui di cibo a base di aglio incastrati tra i denti, mimetizzandone l’odore grazie all’aroma fresco.

Imparare a contrastare l’alito cattivo causato dal consumo di aglio consente di approfittare appieno di tutte le occasioni che la vita presenta.

Questo articolo vuole promuovere la comprensione e la conoscenza di argomenti generali relativi alla salute orale. Non è destinato a sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un professionista. Chiedi sempre il parere del tuo dentista, o di un operatore sanitario qualificato, per qualsiasi domanda tu possa avere riguardante una condizione medica o un trattamento.

Altri articoli

l'ALITOSI

Definizione

L'alitosi è normalmente causata dalla scomposizione dei residui di cibo da parte di batteri responsabili dei cattivi odori. Altri fattori scatenanti includono una scarsa igiene orale, bocca secca, disturbi di vario tipo, infezioni, consumo di tabacco e una dieta troppo povera.

Cause

L'alito cattivo ha origine prevalentemente in bocca a causa di vari fattori, tra cui:

  • particelle di cibi dal forte odore, come aglio o cipolla;

  • fumo;

  • infezioni respiratorie;

  • reflusso acido;

  • accumuli batterici sulla lingua;

  • scarsa igiene orale.