Tutto ciò che c'è da sapere su fumo e salute orale

Cancro ai polmoni, enfisema, bronchite cronica e altre malattie polmonari sono le prime cose che vengono in mente quando si pensa alle conseguenze del fumo. Tuttavia, dato che il fumo di sigaretta può avere ripercussioni su tutti gli organi del corpo umano, non c'è da stupirsi che colpisca anche la salute orale. Ecco ciò che c'è da sapere riguardo a fumo e salute orale per condurre una vita sana.

Affrontare la realtà dei fatti

Sigarette, sigari o tabacco non da fumo, poco cambia: essere esposti ai prodotti a base di tabacco, indipendentemente dal tipo, non fa mai bene. Il rischio di disturbi correlati all'uso di queste sostanze (inclusi quelli di salute orale) dipenderà dagli anni in cui si è stati fumatori e dal numero di sigarette fumate ogni giorno.

Cancro orale

Il cancro orale consiste in una graduale mutazione delle cellule sane della bocca e può manifestarsi in diversi modi. Secondo l'Oral Cancer Foundation, il fumo ricopre un ruolo significativo nei tanti casi di cancro orale diagnosticati ogni anno. In una ricerca condotta dall'Università della California è stato rilevato che otto pazienti su dieci erano fumatori. Indipendentemente dalla modalità di inalazione, il fumo di sigaretta contiene sostanze chimiche nocive che devono passare per la bocca e per la gola prima di raggiungere i polmoni. L'esposizione continuata e ripetuta a tali sostanze può causare alterazioni del cavo orale, con una potenziale insorgenza del cancro.

La malattia è però prevenibile: per tenerla alla larga, è necessario evitare il fumo e altri comportamenti ad alto rischio, oltre che andare dal dentista regolarmente per dei controlli di routine.

Malattia parodontale (gengivale)

La malattia parodontale è un'infezione che colpisce le gengive e la struttura ossea attorno ai denti; è causata dall'accumulo di batteri nocivi in bocca e può provocare la perdita dei denti. Tuttavia, i batteri non sono gli unici responsabili delle malattie gengivali. I Centri per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC), un organismo di controllo sulla sanità americana, hanno dichiarato che nei fumatori il rischio di malattie gengivali è doppio rispetto a chi non fuma.

Il fumo ostacola il sistema immunitario, impedendo al corpo di combattere facilmente i disturbi, come quelli gengivali. I trattamenti per la parodontite potrebbero non andare completamente a buon fine, in quanto il fumo rende più difficile la guarigione delle gengive.

Alitosi e macchie ai denti

Oltre a comportare più alti rischi di cancro orale e malattie gengivali, secondo la divisione Mouth Healthy dell'American Dental Association (Associazione Dentistica Americana) il fumo può anche compromettere il senso del gusto e dell'olfatto, nonché prolungare il periodo di guarigione a seguito di un'estrazione dentale o di altri interventi. Inoltre, il catrame presente nel fumo di sigaretta macchia i denti, causa alito cattivo e può decolorare la lingua. L'unico modo per rimuovere tali macchie consiste in una pulizia dentale professionale.

Buone abitudini da seguire a casa

La nicotina presente nelle sigarette è una sostanza che causa forte dipendenza, rendendo difficile l'abbandono di questa cattiva abitudine. Smettere di fumare è un passo importante nel miglioramento della salute dei fumatori

e la difficoltà nel farlo può portarli ad aver bisogno di supporto. Se vuoi smettere di fumare, non esitare a contattare il tuo dentista. Durante il percorso che ti aiuterà a smettere, puoi motivarti mantenendo bocca e denti il più puliti possibile per cercare di ottenere una salute ottimale. Lavare spesso i denti con un dentifricio al fluoro e passare il filo interdentale ogni giorno aiutano a prevenire carie e malattia parodontale.

Ora che conosci il modo in cui il fumo nuoce alla salute orale, ricorda che non è mai troppo tardi per iniziare a seguire un percorso per ottenere uno stile di vita migliore e più salutare.

 

Altri articoli

Perché il tabacco è una MINACCIA PER LA SALUTE ORALE?

La minaccia più pericolosa per la salute orale portata dal tabacco è rappresentata dal cancro orale. Secondo l'American Cancer Society,

  • circa il 90% di chi soffre di cancro alla bocca o alla gola ha consumato tabacco nella propria vita. Il rischio di insorgenza di cancro orale aumenta con il consumo prolungato di tabacco da fumare o da masticare;
  • il rischio di tumori orali è sei volte maggiore nei fumatori rispetto ai non fumatori.
  • Circa il 37% dei pazienti che continuano a fumare dopo aver ricevuto un trattamento contro il cancro sviluppa tumori secondari in bocca, in gola o sulla laringe, percentuale che scende al 6% nelle persone che abbandonano questa abitudine;
  • il tabacco non fumato è stato associato all'insorgenza di cancro delle guance, delle gengive e della superficie labiale interna, aumentando i rischi di questo tipo di tumori di quasi il 50%.