Le cause delle macchie marroni sui denti

Le cause delle macchie marroni sui denti

Le macchie marroni sui denti potrebbero essere preoccupanti, ma vi sono molte possibili soluzioni per risolvere il problema. Quando la propria igiene orale non è proprio impeccabile, la carie provocata dal tartaro può produrre queste macchie marroni, che possono dipendere anche da patologie mediche. Qualunque sia il motivo per queste macchie sui denti, il dentista o l’igienista potranno proporre una soluzione sulla base delle seguenti indicazioni.

  1. Carie: le macchie marroni sono un segno della carie, che si sviluppa dal consumo eccessivo di alimenti ricchi di zuccheri e amidi. Le bevande dall’elevato contenuto di zuccheri hanno lo stesso effetto, in quanto portano alla formazione di placca, che aderisce alla superficie del dente e lo danneggia nel tempo. Se non viene rimossa spazzolando i denti con regolarità, la placca distrugge lo smalto e lo fa diventare marrone. Queste macchie marroni possono dipendere anche dalla dentina sottostante: infatti, se esposta a seguito dell’usura dello smalto, la dentina presenta un colore naturalmente più scuro.
  2. Tartaro: quando la placca si accumula sui denti si indurisce e questo composto, spesso di colore marrone, prende il nome di tartaro. Il tartaro compare frequentemente al margine tra i denti e le gengive e non è possibile rimuoverlo per mezzo del normale uso di spazzolino e dentifricio.
  3. Fluorosi: la fluorosi è causata dall’eccessiva ingestione di fluoro e, nei casi gravi, provoca la comparsa di fossette marroni sui denti. Quantità troppo elevate di fluoro all’interno del corpo, soprattutto nei bambini, i cui denti si stanno ancora formando all’interno della gengiva, provoca macchie sullo smalto dentale. Linee o strisce bianche permanenti spesso indicano una lieve fluorosi, mentre macchie o fossette di colore marrone, grigio o nero – oltre alle irregolarità nella superficie del dente – rappresentano segni di una fluorosi più grave. Sebbene i denti possano apparire danneggiati, in realtà la fluorosi è solo un problema estetico. A meno che i denti siano deteriorati per altri motivi, in caso di fluorosi sono da considerarsi perfettamente sani.
  • Celiachia: come indicato dal Ministero della Salute, spesso chi soffre di malattia celiaca presenta anche ipoplasia dello smalto dentario. Sui denti potrebbero apparire macchie bianche, gialle e marroni e lo smalto potrebbe apparire traslucido. Gli effetti sono permanenti, pertanto chi soffre di questa malattia spesso opta per i restauri, in grado di coprire lo stato dei denti.

 

Altri problemi medici

Febbre alta e traumi dentali possono provocare la formazione di macchie marroni sui denti e, sebbene raramente, anche le patologie dello sviluppo che riguardano le ossa e il cranio hanno lo stesso effetto.

Prevenzione e trattamento

  • Per prevenire a lungo termine le macchie marroni causate da tartaro e carie ai denti, si consiglia di spazzolare i denti due volte al giorno con un dentifricio completo, usare il filo interdentale una volta al giorno e non mangiare cibi o spuntini ricchi di zuccheri per spezzare la fame tra un pasto e l’altro.
  • Solo un dentista può eliminare le macchie marroni sui denti provocate dalla carie. Per farlo dovrà rimuovere la zona colpita e sostituirla con un’otturazione. Si può chiedere al professionista di utilizzare un materiale di colore bianco, in modo che si intoni al colore naturale dei propri denti.
  • Un dentista o un igienista dentale possono rimuovere il tartaro con speciali utensili, e possono quindi pulire e lucidare lo smalto dei denti per perfezionare il risultato finale.
  • Le macchie marroni causate dalla fluorosi e dalla celiachia sono permanenti e non è possibile migliorarle ricorrendo a dentifrici o trattamenti sbiancanti. Se non vi sono carie non si consiglia di rimuovere l’area colpita, ma il dentista potrà coprire i denti macchiati con faccette dentali: ovvero, sottili lamine che rivestono i denti e possono essere realizzate in un colore simile a quello naturale del proprio smalto.

In caso di macchie marroni sui denti, si consiglia di sottoporsi a un controllo da parte di un dentista/igienista. Prima verrà identificata la causa, migliori saranno gli esiti per la propria salute orale. A prescindere dal fatto che le macchie marroni dipendano da carie, tartaro o altre condizioni, l’intervento del dentista/igienista consentirà di ripristinare la sicurezza in sé stessi e il proprio sorriso.

Questo articolo vuole promuovere la comprensione e la conoscenza di argomenti generali relativi alla salute orale. Non è destinato a sostituire la consulenza, la diagnosi o il trattamento di un professionista. Chiedi sempre il parere del tuo dentista, o di un operatore sanitario qualificato, per qualsiasi domanda tu possa avere riguardante una condizione medica o un trattamento.

Altri articoli

Disturbi comuni negli ADULTI

Con il passare dell'età, è essenziale prendersi cura della propria salute dentale. Di seguito, troverai un elenco delle condizioni da tenere d'occhio.

  • Malattie gengivali – Se non segui rigorosamente il tuo regime di igiene orale e salti spazzolamento e uso del filo interdentale, placca batterica e tartaro possono accumularsi sui denti e causare infiammazioni batteriche. Se non trattati, placca e tartaro possono causare danni irreparabili all'osso mascellare e alle strutture ossee che supportano i denti, provocandone un'eventuale perdita.
  • Cancro orale – Secondo il National Institute of Dental and Craniofacial Research, ente governativo americano per la ricerca dentale e craniofacciale, il rischio di cancro orale è più alto negli uomini sopra i 40 anni. Il rischio sale quando vengono consumati prodotti a base di tabacco e bevande alcoliche. Nella maggior parte dei casi, il tumore può essere diagnosticato dal dentista durante un controllo di routine.
  • Rottura delle otturazioni dentali – La vita utile delle otturazioni va dagli otto ai dieci anni. Tuttavia, a volte durano anche 20 anni, se non di più. Quando iniziano a fratturarsi, i residui di cibo e i batteri che si intrappolano al loro interno possono causare carie profonde.